Parole e fatti

Trilussa (1871 - 1950)

» Posted by on 1 Feb, 2012 in Il Pensatore, Pensieri e Parole | 0 comments

Certi Sorcetti pieni de giudizzio s’ereno messi a rosicà er formaggio,
fecero finta de tené un comizzio.

Un Sorcio, infatti, prese la parola con un pezzo de cacio ne la gola.
Colleghi! – disse – questa è la più forte battaja der pensiero che s’è vista:
io stesso lotterò pe’ la conquista de l’ideale mio fino a la morte!
Voi pure lo farete, so’ sicuro…
-Ogni Sorcetto j’arispose: –
Giuro!

Fanno le cose propio ar naturale, disse er Miciotto – come fosse vero.
L’appetito lo chiameno Pensiero,er formaggio lo chiameno Ideale…
Ma io, però, che ciò l’Istituzzione, me li lavoro tutti in un boccone.

Er Grillo Zoppo Trilussa (1871 – 1950)

Ormai me reggo su ‘na cianca sola
– diceva un Grillo – quella che me manca
m’arimase attaccata a la cappiola.

Quanno m’accorsi d’esse priggioniero
col laccio ar piede, in mano a un regazzino,
nun c’ebbi che un pensiero:
de rivolà in giardino.

Er dolore fu granne ..
ma la stilla de sangue
che sortì da la ferita
brillò ner sole come una favilla.

E forse un giorno Iddio benedirà
ogni goccia de sangue ch’è servita
pe’ scrive la parola LIBBERTA’

Er Cervo Trilussa (1871 – 1950)

Un vecchio Cervo un giorno
sfasciò co’ du’ cornate
le staccionate che ciaveva intorno.Giacché me metti la rivoluzzione
– je disse l’Omo appena se n’accorse –
te tajerò le corna, e allora forse
cambierai d’opinione…No, – disse er Cervo – l’opinione resta
perché er pensiero mio rimane quello:
me leverai le corna che ciò in testa,
ma no l’idee che tengo ner cervello.